venerdì 29 giugno 2007

Reportage da Amsterdam

Ve l'avevo accennato. Sono andata ad Amsterdam con le amiche circa un mesetto fa.

Partite due per volta ( Io e Laura il giovedi mattina ancora con il buio; Lucilla e Chicca il giorno successivo sempre a quell'ora) , il viaggio - io ho il terrore dell'aereo ma mi costringo a prenderlo ogni volta - è andato bene, tutto in orario e bagaglio a mano non pesato (..ah beati controlli aeroportuali italiani..) . Tranne il fatto che durante l'attesa della partenza, nel classico giro per il duty free, perdo la testa per dei mignon di liquori nelle bottigliette di cioccolato..apprezzo il trash cosa ci posso fà??..e dimentico carta d'imbarco e passaporto nei meandri degli scaffali. E va bè la solita figura tapina di me che giro tra profumi e liquori disperata.. alla fine mi rincorrono perchè qualcuno l'ha ritorvato.


Il tempo ci assiste e quando arriviamo in Central Station ci sono 24 gradi ..una meraviglia

Ad Amsterdam io ci sono già stata parecchie volte cosi propongo a Laura un giretto da vera turista per i negozi , rimango sempre affascinata dalla quantità di roba che stipano nei negozietti di quartiere:



Scusate il riverbero..ma mi sono distratta, lì di fronte ho visto un paio di scarpe che.. ecco l'unica cosa che scambierei con una sacher è un paio di scarpe nuove.. sono piccole manie.
Colazione poi da Pancakes corner che è il mio posticino preferito ( nella foto l'interno e la vista dalle vetrate)..come vorrei anche a Milano un posto cosi!







Diciamo che questi 4 giorni sono passati velocissimi..abbiamo camminato per km!

Passando per il mercato dei fiori, dove ho lasciato quasi tutti i miei averi ( però le calle sul balcone stanno fiorendo e sono una meraviglia!)






La prima casa di Amsterdam, mi affascina sempre moltissimo. Per arrivarci si deve entrare da una porticina ( e infatti non c'e mai nessuno perchè credo che la gente non osi entrare pensando che sia la casa di altri). Sembra di varcare la soglia di un altro mondo..non si può descrivere, il silenzio il verde..questo posto ispira una pace che bisogna provare..




Ed ecco il posto che ho scoperto e che nella mia classifica personale delle colazioni ha sorpassato il pancakes corner..si chiama Bagels Beans e mi ha aperto il cuore..è uno di quei posti dove c'è calma e l'ambiente è caldo e accogliente, le ragazze che ci lavorano sono tutte gentilissime e.. tutto quello che vi portano è rigorosamente biologico..







Sui tovagliolini di carta c'è la filosofia dell'ideatore e con il caffè ( peraltro ottimo) ti portano anche il bicchierino d'acqua (- cosa che da noi al bar ti fanno pagare e a mio avviso è un sacrilegio!-)





..abbiate pazienza..la fotografia non è una delle mie doti..

Ultima carrellata di case:




6 commenti:

  1. Sono finita sul tuo blog via il cavoletto... IO abito a Bruxelles, ma tutte le volte che vado in Olanda mi fiondo sempre da Bagels&Beans!!!

    RispondiElimina
  2. ahh bene un'altra fanatica di bagels!!..iniziavo a pensare di essere la sola..mi sono proprio innamorata di quel posto!!

    RispondiElimina
  3. Davide Grotto6:42 PM

    Susanna, che bei posti...
    Anch'io adesso finiti gli impegni di studio ho in mente di fare qualche viaggio, a conoscere ciò che ci sta vicino, in Itlai ed Europa.
    Sono stato a Vienna e Salisburgo e li mi sono innamorato dei posti, dei locali, di quegli ambienti che distanti anni luce dai nostri, risvegliano serenità, pace interiore.
    In fin dei conti basta poco per farti sentire come a casa: gentilezza nel servizio, calore e quel pizzico di buona volontà che molto spesso manca qui da noi.
    Basterebbe un sorriso quando ti porgono la tazzina.
    In Austria sono rimasto incantato dai panifici, sopratutto di una catena "Ancher"...facevano dei bretzel favolosi e grandi quanto due mani aperte messe insieme...
    e mentre gli atri andavano al Mc a mangiare panini, io gironzolavo per la Stephen strass a gustare prelibatezze tipiche...

    Scusa se ho parlato solo di me..i posti li ad Amsterdam devono essere stupendi, da come ne parli...sono molto curioso di conoscerli..

    Ci sono mondi che noi non conosciamo.

    Bella vacanza!!
    Con affetto Davide

    RispondiElimina
  4. Ben venga se parli di te! anzi piu parlate piu io sono contenta..questo è uno spazio di condivisione, non sono mica gelosa del mio piccolo tesoro IO!! ( al contrario di qualche altro foodblogger che cancella i miei commenti sul suo sito..POLEMICA!!)

    Amsterdam è una città fantastica.. però secondo me bisogna andare con un a persona ch ela conosce gia..altrimenti rischi di fare un giro troppo turistico e di cadere nello squallore dell'italiano medio..( cfr post di ritorno da amsterdam di qualche mese fa)

    RispondiElimina
  5. Anonimo8:30 AM

    imparato molto

    RispondiElimina
  6. Anonimo8:30 AM

    leggere l'intero blog, pretty good

    RispondiElimina